STATO = EDUCARE

l’individuo non può star da solo e quindi come dice Aristotele è un’animale sociale, quindi noi tutti dobbiamo occuparci della vita quotidiana, la Politica è la nostra cosa comune, se non siamo capaci di stare assieme allora siamo delle belve o un divinità /dio... La politica è l’ambito del sapere formato da intellettuali /filosofi (Platone) o persone che si dedicano alla conoscenza con formazione (Aristotele). La Politìa era la forma di governo più bella perché era del popolo che lo esercitava nel bene comune mentre la democrazia è si positiva ma che possa esercitare il potere alla maggioranza, cioè da poveri e quindi userà il potere solo per essi e non per tutti. Questo è un risalto importante come lo è al giorno d’oggi. 

E pensare che la filosofia aveva previsto tutto perfino i cambiamenti per i nuovi “filosofi”, i sofisti i quali all’inizio erano con i cittadini per discutere nell’assemblea di una RETORICA poi nel tempo vennero a insegnare a pagamento, sapendo che filosofia è ricerca del sapere questi essendo sapienti non ricercavano quindi divennero falsi sapienti;  ecco che la SOFISTICA ha questa involuzione, la si concepiva come insegnamento per tutti ma Platone stesso la dichiarò sapere apparente e venduto, di fatti tutt’oggi gira ancora il termine “sofisma” ragionamento ingannevole; Stiamo attenti alle informazioni pilotate dal sistema e da chi le scrive.

1dc480962ca2e2ff80a3f30c1b0179b9

Ricordando che se si sa (il sapere) non si ricerca allora non si fa filosofia quindi per Socrate è la continua ricerca un punto importante del sapere perché come disse anche Einstein “l’intelligenza è la capacità di adattarsi al cambiamento, il dubbio è un potere enorme perché ti fa delle domande sempre a cui devi rispondere quindi mettersi in discussione.   Nel dettaglio per Platone abbiamo 3 categorie: 1. filosofi 2. guerrieri 3. produttori ; Rousseau invece il maestro della democrazia collega il contratto sociale con l’emilio, creare lo stato educatore e il cittadino cosciente con una formazione e dando un contributo attivo in ambito sociale attraverso la democrazia diretta, cioè costruire piccole comunità autogestite che coordinano tra di loro formando federazioni (molto simile a quello che il movimento 5 stelle sta facendo). Quindi la volontà generale è a carattere unitario perché è bene che all’interno dello stato ci siano cittadini liberi e non associazioni parziali che rappresenterebbero interessi particolari. 

Entrando nel particolare e da punti di vista diversi è quello di MARSHALL che però distingue i diritti del cittadino, 1. diritti civili, cioè le libertà negative lo stato garantisce ma non interviene, 2. diritti politici la possibilità di eleggere, 3. diritti sociali garantiti e nel quale lo stato spende per il cittadino (la salute, la scuola..). 

La stessa cosa le leggi che secondo Protagora sono convenzionali cioè create da maggioranze politiche e modificabili, ma senza regole l’uomo non può vivere in (oggetto di più discussioni) una comunità. La legge impone disuguaglianza di per sè… come pensiero finale possiamo liberarci da queste separazioni tipo persone libere e schiave? siamo tutti uguali al mondo !! siamo nel COSMOPOLITISMO !!

 

Annunci

CHANGE

Perché nel cambiare un piatto in tavola, il cameriere non esita e lo cambia subito, mentre per cambiare la società o meglio alcune regole (che noi chiamiamo leggi o decreti o norme) ci vogliono anni…..

Non è proprio così la storia, in Italia dagli anni 90 in poi l’avvento di una casta politica sempre più propensa allo sperpero di soldi e di ruberie da nascondino di “enorme furbizia” possiamo proprio dirlo soprattutto molto irrispettosa della costituzione con attacchi a diritti dei cittadini perdendo sovranità in tutti i campi. Troviamo poi questa grande potenza mondiale del club BILDERBERG, banche americane JPMORGAN e la TRILATERAL, queste organizzazioni che ci indeboliscono e che decidono le sorti di paesi e il futuro di generazioni devastando la civiltà nel suo più assoluto silenzio. D’altronde in Italia siamo giunti a questi fatti: abbiamo deputati con reati gravissimi in parlamento non condannati per l’impunità che hanno o per una serie di privilegi con la giustizia e leggi che si fanno per salvarsi, contatti mafiosi con il crimine organizzato (siamo un grande paese di esportazione di mafie), tantissimi conflitti d’interessi, insomma chi ne ha più ne metta.

img_0505

In questo mondo fatto di ipocrisie di tutti i colori possiamo constatare:

per cambiare bisogna l’aiuto di tutti quindi una democrazia, ovviamente servirebbe che ognuno lavori bene nel suo settore e che non abusi di potere in qualsiasi situazione confermando il rispetto per la carta costituzionale; Poi c’è da dire che dai tempi di Platone  i filosofi avevano intravisto queste procedure o strategie volte a rifugiarsi o creando disagio nella gente per la situazione politica in quanto abusavano di soldi di interessi di poteri. Dobbiamo veramente riformare la testa di tante persone, investire nella cultura cosa che non si sta più facendo attraverso l’uso di droghe mentali: slot machine per esempio.

CHANGE NOW TOGETHER !! RESPECT AND APPLY THE RULES (CONSTITUTION)  

 

 

Il nostro FUTURO

L’altro giorno al Trento Film Festival c’erano 2 persone molto influenti, soprattutto Luca Mercalli e poi Don luigi Ciotti; il secondo ha parlato della realizzazione dell’enciclica, questa lettera che il papa scrive di rituale su temi specifici: morali-sociali-etici di situazioni reali, indirizzata al vaticano (chiesa), una questione molto profonda, ricco di sentimenti, parlando di disuguaglianza di guerre inutili, ecc. di cose che dovrebbero dire i politici ma invece e purtroppo non è così, dall’altra parte invece un Mercalli pieno di dati, statistiche e documenti che già 30 anni fa l’ONU e ricerche mondiali invitarono le istituzioni in primis con i governi sul piano climatico-ambientale-umanitario, cioè  cominciare pian piano ad abbandonare l’ENERGIA FOSSILE (cosa che il governo Renzi ha invece favorito con il petrolio e non solo, vergognoso riconoscimento e regalo alle lobby) e di investire NELLE ENERGIE SOSTENIBILI, nelle RINNOVABILI si aprono immense prospettive di cambiamento di lavoro e di nuovi campi societari più puliti. Come visibile nell’immagine di copertina del post si nota che se continuiamo così aumenteremo di 5 gradi la temperatura sul pianeta e che andremo verso un’estinzione visto che si scioglieranno i ghiacciai della Groenlandia e con questo si alzeranno gli oceani di 1 m, causando migrazioni di popolazioni e di conseguenze gravissime come la copertura totale della florida sotto il livello dell’acqua come Venezia, Cesenatico, Rimini. Quindi non è il terrorismo il 1 problema di cause di migrazioni ma il Clima causato dall’uomo e dovuto all’industria: petrolio, carbone, emissioni di sostanze tossico – nocive e inquinanti che l’uomo e i macchinari emettono danneggiando l’umanità la natura stessa.

IMG_2075

In questa foto si evince che se continuiamo così andremo verso l’innalzamento del livello del mare/oceano come ho scritto mentre se seguiamo pian piano la linea viola e la linea arancione nella prima foto con tutta l’umanità che si adegua al cambiamento OBBLIGATORIO !! perché qua siamo su una barca e affondiamo tutti sia chiaro, qua non si tratta di sinistra, destra si tratta di UMANITÀ.

devo chiamare GOKÙ o ci svegliamo prima …. !?!? UOMO AVVISATO MEZZO SALVATO

Il dovuto

questa ipocrisia, questa vita senza soldi… cerchiamo di spingerci oltre come l’UTOPIA, ti permette di sognare e ti permette di migliorarti sempre.

Il futuro ci porterò senza se e senza ma a lavorare meno visto l’attrezzatura sempre più all’avanguardia con macchinari evoluti in ogni settore. Sarà tutto dovuto diventeranno tutti diritti acquisiti come avere LA CASA, IL CELLULARE, L’ACQUA, sono tutte cose che devono esserci sempre e per tutti.

L’uomo è nato per vivere quindi lavorerà a tratti, lo stipendio sarà gestito in maniera diversa non sono quei 600€ o 1600 al mese ma una cosa dovuta per dignità e per quel che dai, quindi reddito di cittadinanza più il lavoro quindi sarà tutto integrato poi certo se si fa di più questo verrà pagato perché i soldi ci sono (il cerchio della vita), se li hanno per le banche li hanno anche per noi !! più avanti si va, più i soldi spariranno, vivremo senza, invece bisogna stare attenti con i robot perché possono creare disagi .. una società automatizzata e autonoma in un mondo digitale che funzioni che sia efficiente ed efficace, semplificare tutto. Partiamo dai comuni che in primis devono inserire tutte queste normative per tutelare i cittadini, così come provincie e regioni. Ogni regione deve essere autonoma, poi ristringere i poteri a Roma sempre tutelando dei principi base;  regioni autonome cioè con le loro risorse e con ognuno un tribunale principale, aziende locali tutto ecologico-sostenibili questo è già l’oggi non il domani. Insomma gli stati uniti d’Italia e d’europa fatta all’americana ma strutturato meglio anche per il commercio, lavorare sul territorio migliorare le nostre terre, tutelare il made in Italy e il dazio alle aziende che vengono da fuori. SVEGLIAMOCI ORA PERCHÈ DOPO SARÀ TROPPO TARDI

Utilizzare il social per il lavoro LINKEDIN come curriculum personale.

Unire il mondo lavorativo con la scuola come fanno in Olanda, gli studenti provano le aziende il pomeriggio, diminuire le materie scolastiche e mettere quelle più importanti come diritto costituzionale, filosofia (come ragionare), utilizzare i tirocini per poi assumere; Mentre la scuola deve essere veramente digitale senza voti, basta giudicare puoi avere 6 insufficienze poi sei un mago in una materia, perché non possiamo sapere tutto di tutto.

Non possiamo laurearci tutti, non è questo il senso della vita ma non lo dico io !! che sia chiaro che un diplomato o un laureato possono raggiungere la nasa per esempio con la stessa facilità !! EQUITÁ ONESTÁ

APRIAMO IL CERVELLO SAREBBE ANCHE ORA …

I CONCETTI CHIAVE DELL’UOMO

L’Onestà e la Dignità come grandi principi dell’uomo, proprio come diceva Pico della Mirandola, “la dignità consiste nel poter determinare la propria natura, nel poter scegliere che cosa essere”.

Ritornando a noi, questi termini molto vicini tra loro formano la vera entità dell’uomo, la PERSONA come conoscenza + uomo, possiamo aggiungerci la libertà, la quale la fa da padrone assoluto soprattutto nella nostra vita, pensate un po’ se ogni uomo avesse una libertà naturale, vivrebbe in perfetta sintonia, pace e armonia con tutti gli altri, cioè se ognuno di noi avesse un po’ di sagacia, il forte interesse che lo leghi alla giustizia ed energia mentale per perseverare con costanza nella sua adesione ad un interesse generale, resistendo ai piaceri della vita, potremmo riparlare di una forma di “anarchia-libertà”. Un altro significato di libertà lo troviamo con Spinosa partendo da questo grande concetto che vi descrivo sotto: il fine dello stato è la libertà, cioè quello di far si che gli uomini sfruttino le proprie funzioni mentali e fisiche in sicurezza usando la propria ragione e pensiero, (quello che manca ai politici).

Se no possiamo pensare allo STATO proposto da PLATONE, il quale doveva avere 2 principi chiave: 1. le classi dei custodi dello stato cioè governanti e guerrieri (difensori che non possono abusare del loro potere, scopi personali), e 2. lo stato (ente) deve controllare e organizzare la macchina cioè (aspetto sicurezza, sociale, economico..). Quindi si potrebbe creare un mondo quasi perfetto come un asintoto (cioè un qualcosa che tende sempre di più ad avvicinarsi ad un altra cosa senza mai toccarla); giustamente se si tende investire sulla cultura e nell’insegnamento del bene una persona non andrà a rubare o a fare del male quindi non serviranno la galera o il carcere … sempre pensieri molto “anarchici o utopistici”. Confido in una riflessione di tutto ciò perché 2000 anni fa questi grandi filosofi e saggi avevano predetto una società migliore ma anche basata su interessi personali e sporchi come al giorno d’oggi. Dobbiamo batterci per riportare i principi in casa nostra.

 

LA STORIA DEI PRINCIPI

Stavo pensando alla vita primitiva e la stavo accostando al giorno d’oggi, ma neanche tanti secoli fa, basta pensare quando si lavorava senza un pezzo di carta (diploma, o laurea o altro), quando si nasceva e si cresceva senza lo studio, senza questa PAROLA che è stata fraintesa fin dall’esistenza, cioè lo “studiare” non esiste, perché una persona può capire, leggere, ricordarsi. Questo mondo dovrebbe ritornare un attimo indietro e riprendere in mano i principi chiave e riadattarli a questo millennio pieno di tecnologie ed espansioni culturali sul web.

Si dovrebbe anche pensare di rimodernare la COSTITUZIONE, il DIRITTO CIVILE e tutto il resto, perché ci sono lacune e molti dubbi su tanti argomenti di questa nuova società TECNOLOGICA, potenzialmente esplosiva pericolosa culturalmente perché può pilotare può manipolare ancora più gravemente di adesso altro che regimi di più e questo l’ho colto da questi film (transcendence di Johnny Depp, Io robot di Will Smith); ho capito che la paura è la prima cosa che ti fa mettere allerta tutto, la testa la vita, il cuore, come i fatti successi a Parigi, ma quello è una lunga storia conseguenza di errori politici e tutt’ora non ancora risolti.

lavoro-400x225

Ritornando a noi, si deve ragionare pensando che l’uomo può lavorare per vivere anzi è una parte della vita il lavoro ma diminuirà perché le macchine faranno tutto e ci aiuteranno. questo processo ci sarà a prescindere. Quindi parlando di lavoro bisognerebbe eliminare qualsiasi discriminazione ( sessuale, religione, incapacità, oppure di carta, cioè diploma o terza media, uno impara anche senza studiare); altra cosa da potenziare sono i tirocini nelle aziende per poi portare all’assunzione; anche utilizzare dei piccoli stage durante il percorso scolastico, la pratica che serve moltissimo, “il saper fare (la pratica, il manovale)”, questa generazione con telefonini e che per un problema al frigorifero deve chiamare il tecnico, noo !! cerchiamo di svilupparci con tutte le informazioni che ci sono in giro, uniamole e usiamo quelle giuste (teoria e pratica). Poi per chi vuol “studiare” cioè capire nel dettaglio, analizzando tutto con la teoria può ambire alla nasa, alle ricerche (quelle vere), alla Apple, alla Google …. MA anche chi è operaio può ambire a questi traguardi senza discriminazioni che sia chiaro!!

in Conclusione nel mondo in cui vorrei che queste cose si avverassero, ci debba essere anche il comfort, ergonomia e sicurezza, cioè il lavoratore deve essere tutelato 100% e messo nelle condizioni massime di sicurezza e di lavoro migliore nello star bene fisicamente, mentalmente e di salute.

 

IL TELELAVORO

Questa parola in Italia è finta, non si riesce mai a coinvolgere le parti, cioè le istituzioni, gli organi competenti e le persone volenterose nell’iniziare questo MAGNIFICO percorso. Prendiamo per esempio il blogger o il videoblogger che tuttora sono affidati a youtube o ai siti come wordpress e altri, si potrebbe ISTITUIRE nelle agenzie un metodo di pagamento e di LAVORO AUTONOMO con GARANZIE, DI STRUTTURE E DI STRUMENTAZIONE adeguata per iniziare questo nuova idea di INFORMARE. Poi si deve inserire il LIBERO LAVORO, che cos’è, è un nuovo modo di lavorare cioè FLESSIBILITÀ – SOSTENIBILITÀ e un progetto finalizzato per bene e scritto bene da chi dovrebbe (politici).

Il magnate della Virgin disse “contano i risultati, non il tempo in ufficio” così lui è riuscito a cancellare l’orario di lavoro, conta la QUALITÀ NON LA QUANTITÀ !! questo anche per il lavoro in generale e del futuro che ci vedrà noi uomini sempre meno operativi in vista dell’arrivo dei robot e dei macchinari che semplificheranno l’operato umano. Stiamo attenti alla tecnologia però non abusiamo !!!

Siamo in un momento di rivoluzione culturale che ci aspetta da anni, soprattutto in Italia dove potremmo sfruttare questo settore che in America e in Europa viaggia tantissimo. Non serve fare utopia o demagogia ma servono FATTI e le persone per cambiare rotta. Domani mattina da un’idea presa da altri paesi la si può modificare e mettere in questo bellissimo paese stupendo ma non sfruttato. A breve un video sul mio canale #youtube per chi volesse guardarsi altri video ecco il link :

https://www.youtube.com/user/cramtom/videos

l’Italia riparta dalla scuola del futuro

Tante volte ci domandiamo cosa significhi “studiare” “memorizzare” “capire” o altri termini, proviamo ad immaginare invece una nazione basata sulla semplicità e sui principi come le fondamenta di una casa, che diano le basi per un futuro vero-concreto, che questo paese ha bisogno, per poi magari esportarlo. Partiamo subito dal principio che studiare non serve, ve lo assicuro io, perché dico questo, perché sotto questa parola ho scoperto che quando una persona qualsiasi finisce gli studi non ha bisogno di sapere a memoria una cosa, perché subito dopo la dimentica se non gli interessa, cerchiamo invece di far piacere ai ragazzi la scuola e dobbiamo far interessare loro alle cose se non ci riescono loro, proviamoci noi con modi diversi ma efficaci e anche perché  quando si trova lavoro si “studia” quello. Cosa voglio dire con questo, in Olanda ad esempio fanno scuola + lavoro e fanno entrare i ragazzi nelle aziende il pomeriggio così possano imparare, PERCHE NON SI NASCE IMPARATI, forse 1:1.000.000 ce la fa, un po’ come la canzone di Jovanotti. Proseguiamo e passiamo alle materie, perché non ha senso avere 10 materie e poi troppe perplessità, dubbi, giramenti di testa, noi dobbiamo basarci su : 1. studiare le materie necessarie per parlare, scrivere e ragionare queste sono le chiavi della vita + l’amore; cioè la lingua del proprio paese o più, la filosofia per la ragione e capire le cose e si qualche calcolino – esperimento. 2. si dovrebbero accorciare gli anni di scuola nei 3 livelli scolastici (elementari, medie e superiori); 3. inserire “creazione musicale e sportiva” cioè favorire le band i gruppi a iniziare a suonare, stessa cosa per lo sport, 4. inserire alle superiori, ad esempio durante gli ultimi anni, l’inserimento nelle aziende da parte dei ragazzi o aprire agli stage-tirocini estivi o durante le lezioni.

Dopo i punti di costruzione della “casa della scuola” Introduzione dei libri, tutti digitali, formato ebook con l’uso dei tablet questo comporta riduzioni costi famiglia e il peso degli zaini viene annullato, poi obbligare i professori a fare dei corsi di aggiornamento e di usare lavagne interattive e multimedialità a scuola, uso social network e altri sistemi per stare con la classe, inserimento registro elettronico online, come ultima cosa una CULTURA DIVERSA DAL:

smettiamola con “troppe insufficienze non passi” o ” con un 3 non riuscirai a passare” dobbiamo eliminare la media dei voti, dobbiamo girare la pagina del libro e cambiare subito.

per il resto seguitemi sul canale youtube qui sotto e a breve farò un video su queste cose implementando altre cose.

https://www.youtube.com/channel/UCEKiW0HB3hIPMpdyr2l–3w

Ci sono anche tante altre cose

La scuola 2.0 e oltre

La scuola 2.0 italiana ed i problemi che nasceranno con essa

Come ben sappiamo, in Italia, scuola e tecnologia rappresentano due parole che non vanno molto d’accordo, infatti molte delle nostre scuole sono arretrate, non innovano. In Italia è nata da pochi anni l’idea di costruire una scuola-tecnologica, e quel poco che è stato fatto non è riuscito molto bene, quindi si può dire che la scuola italiana è ferma agli anni 90. Questo problema è dato da diversi fattori:

  1. La poca voglia della vecchia dirigenza di rinnovare, di portare nuovi strumenti con un nuovo modo di interagire nello studio in maniera diversa da 50 anni fa’.
  2. I professori che non sanno rapportarsi con le nuove tecnologie e che fanno fatica ad interagire con i giovani, vista la differenza d’età e di mentalità, come soluzione bisognerebbe fargli fare dei corsi di aggiornamento ogni tot anni, per farli restare in scia.
  3. La politica non è stata all’altezza della situazione, (cosa volete che capiscano i 70enni in parlamento) soprattutto per la necessità di nuovi fondi per acquistare strumenti (prodotti, come tablet) o altro materiale tecnologico.

Sarebbe bello vedere tutte le scuole italiane all’avanguardia in tutti i settori e con nuove visioni per entrare poi facilmente nel mondo lavorativo, perché se non sbaglio la scuola dovrebbe insegnarti, dovrebbe metterti le basi, le fondamenta per l’inizio di una carriera, ma questo non avviene, la maggior parte degli alunni sceglie la scuola tanto per fare, senza uno scopo oppure appena esce si interessa di tutt’altro, bisogna invertire la rotta e andare incontro a queste inconvenienze, per aiutare tutti a vivere felici.

Bisogna riprogettare tutto partendo dall’istruzione, per riqualificarci nel mondo come importanza, come cultura e come capacità relazionali, mentali e per lavoro pratico che è il più importante e che consente entrare nel mondo lavorativo.

La possibilità di offrire ai propri studenti, con contributi minimi, un nuovo metodo di insegnamento tramite l’utilizzo di computer, LIM, videoconferenze, eventi live e molto alto c’è già, basterebbe metterlo in pratica e far fare ai professori corsi di aggiornamento obbligatori per rinnovarsi, per cambiare. Noi siamo della generazione nata assieme alla tecnologia e penso che se tutto questo progetto avvenga ci potrebbe dare un grosso aiuto nella vita e sviluppare nuove forme intellettuali e la nascita di piccoli geni.

La postazione ottimale per noi studenti sarebbe avere un computer portatile o tablet, con i libri portati in digitale, così da poter interagire con video, per le ricerche in internet e per gli appunti; con aggiunta la possibilità di registrare la lezione, così gli assenti e chi vuole può rivedersi tutto quanto perso.

Penso che tutto questo sia un grande vantaggio per le persone e per un futuro migliore che vedrà ancor di più il contatto uomo-tecnologia.

“Il sistema”

Volevo incominciare a discutere sulla parola “sistema”:

viene usata per descrivere tante cose, ad esempio il sistema capitalistico mondiale che ci affligge, anche il sistema convenzionale definito un container enorme di regole, a volte ingiuste, che devi rispettare perché dicono che ti ci devi abituare se no devi combatterlo come fanno premi nobel ed economisti come Stiglitz, Krugman, Zingales, per citarne alcuni e giornalisti come Saviano, Travaglio e tutti i cittadini (visti più deboli, perché contano poco), queste persone lottano per una vita degna, conoscono i fatti perché sono all’interno della vita, lavorano, capiscono dove è giusto o sbagliato andando oltre alla ragione, quindi un pensiero non illuminista ma bensì romantico toccando altri aspetti, l’onestà, la dignità umana e il buon senso.

English: Dante Alighieri's portrait by Sandro ...
English: Dante Alighieri’s portrait by Sandro Botticelli. Tempera 54,7 x 47,5 cm. (Photo credit: Wikipedia)

Sono qua per cercare di capire dove siamo, chi siamo, cosa facciamo, insomma ci poniamo domande sulla vita, almeno in pochi se lo chiedono perché non vedono uno scopo e una fine del perché viviamo e cosa serve l’uomo. Inoltre il saper giudicare debba seguire dei PRINCIPI precisi : valutare il “piatto in tavola”cioè quello che ti mettono davanti agli occhi per decidere, come quando devi decidere che cellulare devi comprare, per scegliere devi conoscere tutte le informazioni di ogni cellulare, ma questo è quasi impossibile per ciò almeno conoscere le cose principali di ognuno; poi essere obiettivi, ragionando apertamente e liberamente, nel senso che bisogna avere conoscenze informazioni, tutto il possibile per giudicare, oltre alla capacità di avere un pensiero aperto. “Non sprecate la vita di qualcun altro, non fatevi intrappolare dai dogmi, cioè vivere con i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui, offuschi la vostra voce interiore” Steve Jobs

L’uomo in tutti questi secoli ha cercato di migliorarsi ma per adesso non è riuscito a trovare la via migliore come viene citato da Dante all’inizio della divina con .. nel mezzo del cammin di nostra vita … proprio Platone aveva previsto come sarebbe arrivata la società, aveva previsto tutto e aveva costruito lui la società “perfetta” o almeno avvicinarsi come un asintoto (matematica). Nessuno è riuscito a capire come costruirla, almeno ci hanno provato ma con scarso successo, si parlava di rapporto d’amicizia di cui risultava il vero amore, l’aiutarsi tra persone, condividere pensieri. Oggi si può fare tutto, perché grazie alle innovazioni e alla ricerca si possono fare tante cose. Si parte con l’aiutarsi come condiviso dal movimento 5 stelle, nessuno deve soffrire, tutti devono avere le stesse opportunità di vita, sia un laureato che uno senza titoli, poi magari quello senza titoli trova più strada dell’altro.

Raccogliendo tutte le informazioni dalla nascita dei filosofi greci fino al giorno d’oggi si può constatare che attraverso tutti i grandi intellettuali vissuti in più di 2000 anni, compresi loro, avendo lasciato un loro pensiero si possa prendere spunto e  “COSTRUIRE” le basi di una società equa, giusta, senza diseguaglianze, ecc e queste cose le si trova nella costituzione italiana, la migliore al mondo ma mai applicata; costruite le basi il resto si fa da solo proprio come la casa.

Italiano: Platone ed Aristotele, dettaglio del...
Italiano: Platone ed Aristotele, dettaglio della “Scuola di Atene” di Raffaello, nelle stanze dei Musei Vaticani. (Photo credit: Wikipedia)

Per carità potete vivere felici senza farvi domande, senza darvi risposte, la gente sa ma lo mette in disparte questa cosa del sistema della vita, il fatto di vivere in una convenzione totale a certi piace a certi no . Per conoscere meglio il tutto dovete informarvi, leggere, avere capacità di argomentare e di saper capire il contesto attraverso le fonti che si hanno.

La vita è una domanda. La vita è un dono. Per farvi un po’ di conoscenza gustatevi il film “into the wild” parla del sistema contro l’anarchia diciamo più o meno. Un ragazzo che vuole uscire da tutto questo sistema che ti costringe a vivere secondo dei piani e delle regole troppo incatenate.